Dichiarazione di nascita

Quando avviene una nascita è obbligatorio dichiarare l’evento per l’iscrizione dell’atto del nuovo nato, nel registro dello Stato Civile.

Come e dove

La dichiarazione va fatta dal padre o dalla madre (entrambi in caso di figlio naturale per procedere al riconoscimento di filiazione e nel caso di genitori stranieri che non possono comprovare la loro unione in matrimonio), o da chi ha assistito al parto, entro tre giorni presso la Direzione Sanitaria dell’Ospedale o della Casa di Cura dove è avvenuta la nascita; entro dieci giorni presso l’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza dei genitori o nel Comune dove è avvenuto il parto.
Presentarsi con l’attestazione di nascita rilasciata dal centro di nascita e un documento di riconoscimento.
Rivolgersi all’Ufficio di Stato Civile.
La redazione e la sottoscrizione dell’atto sono immediate e non comportano alcun costo.

 

Attribuzione del cognome

In data 21.12.2016 è stata depositata la sentenza n. 286 della Corte Costituzionale, nella quale la Suprema Corte, in data 8 novembre 2016, si era pronunciata sull’incostituzionalità della norma, desumibile dagli articoli del Codice Civile e dal Regolamento di Stato civile, che prevedeva l’automatica attribuzione del cognome paterno al figlio nato , pur in presenza di una diversa contraria volontà dei genitori.

Sin da ora quindi,  si potrà attribuire sia il solo cognome paterno che il doppio cognome,  previa verifica dell’accordo  a riguardo,  tra i genitori del figlio/a.

In allegato, il modello che il genitore NON dichiarante la nascita, dovrà preventivamente compilare  e firmare (allegare copia del documento d'identità) per confermare la scelta del cognome del figlio/a.

Per ogni altra informazione è necessario rivolgersi all’Ufficio di Stato Civile .

 

Clicca sull'icona per scaricare gli allegati

File

Descrizione

Data

DICHIARAZIONE ATTRIBUZIONE COGNOME DICHIARAZIONE ATTRIBUZIONE COGNOME 23/01/2017